Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 68

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



usura 04 / 03 / 2010

Arrestati i titolari di un’agenzia di trasporti, accusati di usura ed estorsione e collegati col suicidio dell'impreditore Giuseppe Perfetti
Chiedevano il 60 percento di interesse annuo  ad un dipendente pubblico e ne pretendevano il pagamento con minacce e percosse.
Si tratta di Francesco Ruffolo, 58 anni, e il figlio Giuseppe, 40 anni, titolari di un’agenzia di trasporti.
La polizia li ha arrestati a Cosenza nell’ambito di un’operazione per il contrasto dell’usura e delle estorsioni.
L'arresto dei due sarebbe collegato al suicidio di Giuseppe Perfetti, di 53 anni, piccolo commerciante di Cosenza, che venne trovato morto lo scorso 20 aprile in una piazzola di sosta della A3.
Perfetti, si uccise sparandosi un colpo di pistola alla tempia, a bordo della sua auto. Prima di uccidersi l’uomo aveva scritto una lettera alla famiglia confessando un omicidio compiuto nel 1979 assieme ad un’altra persona e parlando della difficile situazione economica che lo aveva fatto finire nelle mani di un gruppo di usurai. Dalla lettera di Perfetti gli investigatori della squadra mobile di Cosenza e i magistrati Dario Granieri, Domenico Airoma e Claudio Curreli sono partiti per ricostruire la situazione economica della vittima che con i Ruffolo aveva avuto rapporti in passato. Ed è stato indagando su padre e figlio che è emersa la vicenda che ha coinvolto nel vortice usuraio I.G., di 50 anni, dipendente dell’Azienda sanitaria di Cosenza, poi distaccato alla Regione Calabria.
L'uomo sottoposto ad interrogatorio non ha potuto fare altro che confermare i fatti che lo vedevano coinvolto dal marzo del 2008.
Padre e figlio, il primo con precedenti, il secondo incensurato, sono accusati di usura ed estorsione anche nei confronti di un dipendente pubblico. I provvedimenti di arresto, eseguiti dalla squadra mobile di Cosenza, sono stati emessi dal tribunale su richiesta della Procura della Repubblica.
La vittima dell’usura è un impiegato dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza e successivamente distaccato alla Regione Calabria. A fronte di un prestito di 4 mila euro i presunti strozzini pretendevano dal dipendente pubblico, con minacce e percosse, il pagamento di interessi pari a 5% mensili per un totale annuo del 60%.
I due avevano inoltre preteso dalla vittima il rilascio di un certificato di abilitazione professionale nel settore dei trasporti, destinato alla moglie di Giuseppe Ruffolo, che solo l’Ente Provincia avrebbe potuto rilasciare.
 

Fonte:Agenzie di Stampa

 


Etichette:

usura, estorsioni, arresti,


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 2565 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>