Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 116

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

L'inchiesta "Centodieci e lode" è partita a seguito di una denuncia del preside della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Unical, Raffaele Perrelli, che nel corso di una seduta di laurea non riconobbe come sua la firma apposta su uno degli statini



UniCal: inchiesta Centodieci e lode, il gup di Catanzaro si dichiara incompetente 17 / 12 / 2013

Come in precedenza quello di Cosenza, anche il giudice dell'udienza preliminare di Catanzaro ha dichiarato la propria incompetenza territoriale a trattare il procedimento a carico di 61 persone coinvolte nell'inchiesta denominata "Centodieci e lode", sulla presunta falsificazione di esami che sarebbe avvenuta presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università' della Calabria.

Nel capoluogo calabrese il fascicolo era arrivato dopo che il gup cosentino aveva rilevato la propria carenza di competenza a trattare i reati informatici, che spetta al giudice distrettuale. Sul conflitto negativo, a questo punto, dovrà pronunciarsi la Corte di cassazione con una decisione attesa in tempi non brevi, che stabilisca chi dovrà occuparsi del procedimento nato dalla richiesta di rinvio a giudizio presentata per i 61 indagati, tra cui figurano studenti e personale di segreteria, accusati di reati che a vario titolo sono il falso e l'introduzione abusiva nel sistema informatico dell'Ateneo.

L'inchiesta "Centodieci e lode", diretta dal sostituto procuratore della Repubblica di Cosenza, Antonio Tridico, è partita a seguito di una denuncia del preside della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Unical, Raffaele Perrelli, che nel corso di una seduta di laurea non riconobbe come sua la firma apposta su uno degli statini inseriti nel fascicolo di uno studente.

Le successive e complesse investigazioni, che hanno richiesto anche numerose consulenze grafologiche, avrebbero poi svelato un presunto collaudato sistema utilizzato per favorire l'iter accademico di alcuni studenti. Ben 72 le lauree che, secondo le accuse, sarebbero state ottenute grazie a "falsi esami", e che quindi l'Unical annullerà.

Erano 75, invece, gli iniziali indagati che, dopo l'avviso di conclusione indagini si sono ridotte a 61 poiché l'Ufficio di procura ha chiesto l'archiviazione per 14 persone.


Etichette:

UniCal, falsi esami, inchiesta, Catanzaro, Gup, Cosenza, Calabria


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 825 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>