Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 108

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



Sequestrati 1000 metri quadrati del Torrente Molaro a Montebello Jonico 24 / 01 / 2011

1.000 metri quadrati del Torrente Molaro sono stati sequestrati nel comune di Montebello Jonico, in provincia di Reggio Calabria. Il comandante della capitaneria di porto di Saline Joniche, Basilio Tedesco, il responsabile dell’ufficio tecnico comunale, architetto Antonino Claudio Diano, ed il corpo dei vigili di Saline Joniche al completo, hanno effettuato venerdì mattina un sopralluogo sull’area in questione ponendo i sigilli dopo alcune segnalazioni inerenti abusi in materia ambientale. Tre in particolare i macro siti che presentavano degli ingenti abusi alla natura a causa della presenza di materiali speciali pericolosi come carta, vetro, rifiuti dell’attività di costruzione e demolizione, pneumatici fuori uso, carcassa di veicolo fuori uso, elettrodomestici, materiali da costruzione contenenti sostanze pericolose, rifiuti da attività commerciali, materiali da costruzione a base di gesso, A questi andavano aggiunte anche delle lastre di eternit. La maggiore concentrazione di rifiuti si é registrata in località "Ponte Lungo", nei pressi di Acone e di fronte alle Officine Grandi Riparazioni. Una situazione allarmante quindi, che si protrae nel tempo e che denota, da un lato, la mancanza di educazione di un gruppo di cittadini che non si cura minimamente di creare danno all’ambiente ed, in particolare, ad un torrente. Dall’altro, esiste l’assenza degli organi preposti alla vigilanza che non si sono curati di intervenire a tempo debito di fronte ad un problema di grande entità che mette a serio pericolo l’incolumità degli abitanti delle frazioni limitrofe. Analizzando da vicino il problema, si comprende ulteriormente l’inciviltà di coloro che hanno fatto del letto di un torrente l’oasi ideale dove “rilasciare” materiali inquinanti. Di recente, infatti, l’allora amministrazione Nisi aveva utilizzato un finanziamento regionale di 240 mila euro per bonificare alcune aree del torrente incriminato. Esattamente le borgate Rocca Calojero, Ciurca e Acone avevano ricevuto il “beneficio” previsto, a dimostrazione del fatto che l’intervento della guardia costiera rappresenta soltanto l’epilogo di un fenomeno presente da tempo. Le aree sono state poste sotto sequestro penale dai militari, che le hanno delimitate con del nastro rosso bicolore. Il tutto è stato comunicato alla competente Procura della Repubblica di Reggio Calabria per le violazioni delle norme in materia di gestione dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati – divieto di abbandono. Intanto, mercoledì mattina é già stata indetta una riunione tecnico-operativa nella delegazione provinciale di Saline Joniche per stabilire le strategie da utilizzare per combattere il fenomeno dei tale abusivismo. All’incontro, indetto dal sindaco Antonino Guarna, sono stati invitati la Polizia provinciale, i Carabinieri, il Corpo forestale dello Stato e la Capitaneria di porto. L’obiettivo è quello di trovare un punto di incontro per evitare il ripetersi di situazioni spiacevoli di tale portata.


 


Etichette:

sequestro, montebello jonico


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 794 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>