Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Cittā dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 125

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Cittā dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



pacenza 05 / 11 / 2010

 “Vorrei solo tranquillizzare un po’ tutti, cittadini, politici e giornalisti, circa gli effetti comportati dall’attuazione del recente decreto predisposto dal governatore Scopelliti per la riorganizzazione della rete sanitaria regionale e crotonese. Ci tengo a sottolineare infatti che, l’assistenza offerta dal servizio sanitario provinciale all’utenza di riferimento, non cambierà nella sostanza, così come non spariranno nel nulla i vari reparti già in essere. Molto più semplicemente, gli stessi reparti, saranno organizzati in maniera differente dalla direzione strategica dell’Asp di Crotone, con criteri che andranno verso un più efficiente e razionale utilizzo delle risorse umane ed economiche a sua disposizione”.
Il presidente del Comitato regionale per la qualità e la fattibilità delle leggi, Salvatore Pacenza (Pdl), commenta così il decreto emesso il 22 ottobre scorso dal governatore Peppe Scopelliti, in qualità di commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario regionale, riguardante la riorganizzazione delle tre reti assistenziali calabresi: ospedaliera, emergenza-urgenza e territoriale.
“È vero – prosegue ancora l’onorevole Salvatore Pacenza – il nosocomio della città capoluogo assumerà la destinazione tecnica di spoke, ovvero di struttura ospedaliera semplice, in possesso di tutti i servizi di base, equipaggiata per la prima assistenza e le urgenze, ma pur priva delle eccellenze specialistiche. In buona sostanza, per gli ammalati che avranno bisogno di professionalità e tecnologie di altissima specializzazione, il San Giovanni di Dio dovrà rivolgersi ad uno dei 3 hub calabresi, attrezzati per i casi più complessi di malattia. Ma, questo, è pur sempre uno scotto da pagare per la necessaria razionalizzazione delle spesa in ambito sanitario, prevista dal piano di rientro del disavanzo accumulato nel settore (quantificato al dicembre 2008 in 1,2 miliardi di euro). Va inoltre considerato che, in questo contesto, l’assegnazione di titolo come struttura spoke, è anche una prescrizione contenuta, fra l’atro, nella legge di riferimento per l’organizzazione della rete assistenziale territoriale in una popolazione compresa tra i 130mila e i 500mila abitanti. Fatte le doverose premesse, c’è da aggiungere dell’altro all’economia di questo ragionamento per impostare una più corretta interpretazione della ratio utilizzata dal governatore Scopelliti nel riordino, basata sulla prima assistenza. Dopo decenni, infatti, la rete assistenziale ospedaliera sarà finalmente dotata dei servizi di Emodinamica, Urologia e Neurologia che saranno tutti e tre gestiti internamente dall’Azienda sanitaria provinciale (quindi non affidati a privati). I reparti di Geriatria, al contempo, così come i servizi ambulatoriali interni, non solo manterranno intatti i loro livelli occupazionali, ma continueranno a prestare la consueta assistenza sotto l’egida di altri reparti. Va quindi sottolineato che, in questo riordino, la rete emergenza-urgenza sarà marcatamente rafforzata. Questo per garantire un’offerta sanitaria, non solo al passo coi tempi, ma che sappia fornire tempestività e qualità negli interventi di primo soccorso”.


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Archivo Articoli


    Letto 3383 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>