Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 104

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



polizia 26 / 11 / 2010

 I poliziotti della squadra mobile di Reggio Calabria e dei Commissariati di Siderno e Bovalino hanno arrestato questa mattina tre persone accusate di favoreggiamento della latitanza di Pietro Criaco, pericoloso killer della cosca Cordi' arrestato ad Africo nel dicembre 2008. Il gip Adriana Trapani, su richiesta del procuratore aggiunto della Dda Nicola Gratteri ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Antonio Iulis (39 anni), Giuseppe Romeo 'u Bovicianu' (34), Valerio Farcomeni (46). L'attivita' investigativa che ha portato all'arresto del latitante e' stata condotta ininterrottamente per due anni, durante i quali sono stati effettuati servizi tecnici di intercettazione e appostamento e pedinamento. Secondo quanto emerso dall'attivita' della Polizia, i favoreggiatori avrebbero accompagnato Criaco negli spostamenti nei covi in cui si rifugiava. Gli indagati utilizzavano ricetrasmittenti per comunicare eventuali posti di blocco delle forze dell'ordine. Nel corso di una perquisizione in uno stabile in contrada Petrilli a Bianco nelle disponibilita' di Romeo e' stato trovato un bunker ricavato sotto il pavimento e al quale si accedeva attraverso un ingresso nascosto in una cabina armadio adiacente alla camera da letto della moglie di Pietro Criaco. Secondo gli investigatori, il latitante si sarebbe nascosto per un periodo anche nell'abitazione del padre di Romeo a Bianco. In una cucina ricavata all'ingresso della costruzione, i poliziotti durante una perquisizione hanno trovato un altro bunker sotto il pavimento, al quale si accedeva attraverso un'entrata sotto una piastrella con apertura a sistema idraulico dotato di telecomando. Infine, nel settembre 2006, Iulis e Romeo sono stati videoripresi mentre effettuavano una bonifica (alla ricerca di microspie) nell'azienda zootecnica di Valerio Farcomeni, il che proverebbe il coinvolgimento di tutti i soggetti nella latitanza di Criaco


Etichette:

arresti, favoreggiamento, criaco


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 1373 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>