Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 72

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Il provvedimento odierno rientra nell'operazione "Cosa mia"



Palmi: confiscati beni per 7 milioni a presunti esponenti delle cosche Cordì e Gallico 17 / 12 / 2013

La Polizia di Reggio Calabria, su disposizione del Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Misure di Prevenzione, ha eseguito la confisca di beni nella disponibilità di Giuseppe Gallico, 58 anni, e della moglie Maria Carmela Surace, 55 anni, ritenuti appartenenti alla ‘ndrina Gallico operante sul territorio di Palmi.

Il provvedimento odierno rientra nell'operazione "Cosa mia", frutto di indagini coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria e condotte dalla locale Squadra Mobile e dal Commissariato P.S. di Palmi nei confronti di 52 soggetti, ritenuti i maggiori esponenti delle ‘ndrine dei Gallico-Morgante-Sgrò-Sciglitano di Palmi e di quelle contrapposte dei Bruzzise-Parrello operanti nel limitrofo comune di Seminara, protagoniste di una sanguinosa faida consumatasi tra il 2004 ed il 2008.

Nei confronti dei soggetti coinvolti dalle indagini, accusati a vario titolo di associazione mafiosa ed altro, è stata altresì contestata – sottolineano gli inquirenti - l’estorsione consumata nei confronti delle ditte appaltatrici dei lavori di ammodernamento del V macrolotto dell'autostrada A3 costrette al pagamento di una tangente sull’importo fissato nel capitolato d’appalto (c.d. “tassa ambientale”), nonché al rifornimento di calcestruzzo da aziende vicine alle predette cosche.

Sono stati confiscati: un fabbricato a quattro piani a Palmi, comunemente denominato ‘Villa’, risultato frutto di attività di natura estorsiva ed adibita oltre che a residenza dei Gallico, altresì – secondo gli investigatori - a base logistica degli affari criminali di ‘famiglia’ ed all’interno del quale erano stati nel passato individuati rifugi utilizzati per nascondere i latitanti appartenenti alla stessa ‘ndrina

. Il provvedimento di confisca ha riguardato anche una villetta a schiera a Palmi; un’impresa individuale di lavanderia, “Lavanderia Italia di Surace Maria Carmela” di proprietà di quest’ultima.

"Impresa, questa, - si legge nel comunicato della Polizia - sviluppatasi in virtù dell’intimidazione mafiosa posta in essere dai “Gallico”, che avrebbero costretto il titolare di un’impresa concorrente a cedere loro metà dell’attività di lavaggio delle lenzuola utilizzate dagli operai alloggiati nei campi-base installati sulla SA-RC oppure, in alternativa, a versare agli stessi “Gallico” un’equivalente somma di denaro; due autovetture vari conti correnti e libretti di deposito a risparmio".

Il Tribunale ha anche applicato ai predetti coniugi la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S., stabilita in cinque anni per Giuseppe Gallico ed in anni quattro per la moglie, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.

Sul versante ionico della provincia reggina la Polizia di Stato ha inoltre eseguito la confisca disposta dalla sentenza della Corte D’Appello di Reggio Calabria della società “Italcantieri Costruzioni Generali s.r.l.” e della ditta individuale “Tallura Antonio”, attività imprenditoriali aventi sede a Locri, già nella disponibilità dei fratelli Antonio e Francesco Tallura, di 48 e 51 anni, detenuti.


Etichette:

'ndrangheta, sequestro beni, cosche, Palmi, Reggio Calabria, Calabria


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 2397 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>