Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 58

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Undici persone, ritenute al vertice dell'organizzazione, sono state sottoposte al provvedimento della sorveglianza speciale di P.S. con l'obbligo di dimora nel comune di residenza



Operazione All Clean: maxisequestro di 90 milioni di euro alla cosca Pesce 10 / 12 / 2013

Un ingente patrimonio - il cui valore complessivo ammonterebbe a circa 90 milioni di Euro - è stato confiscato dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e il Ros dei Carabinieri. I beni sequestrati sono riconducibili a presunti appartenenti e affiliati alla cosca Pesce di Rosarno, egemone nella Piana di Gioia con ramificazioni in tutto il territorio nazionale e, particolarmente in Lombardia.

In particolare, nel corso dell'operazione All Clean, sono stati sottoposti a confisca: Imprese e Società, comprensive del loro patrimonio aziendale – nel totale 14 attività economiche “operanti – dicono gli investigotori - in regime di monopolio mafioso”, nel settore dei trasporti, agrumicolo, della vendita di carburanti e lubrificanti e dell’abbigliamento; 2 società di calcio dilettantistico, che secondo l’indagine sarebbero state alimentate con i proventi delle estorsioni ed utilizzate per allargare le conoscenze, le relazioni e gli affari della cosca; vasti appezzamenti di terreno agricolo, coltivati ad agrumeto e kiwi, per un’estensione di oltre 300 mila metri quadri; 19 beni immobili, tra i quali, sono ricomprese due ville di pregio, di cui una nel centro di Rosarno ed una sul promontorio di Capo Vaticano, nonché un vasto complesso sportivo; numerosi veicoli, sia ad uso privato che commerciale, alcuni dei quali già assegnati alle Forze di Polizia per il loro utilizzo nei servizi di contrasto al fenomeno mafioso; plurimi rapporti finanziari bancari, postali ed assicurativi.

Undici persone, ritenute dagli inquirenti “apicali” nella cosca, sono state inoltre sottoposte alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza ed al versamento di una cauzione in denaro.


Etichette:

confisca, cosca Pesce, Rosarno, Reggio Calabria, Calabria


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 1496 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>