Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 111

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Forse la 'ndrangheta dietro la rivolta dei giorni scorsi



trasferimento migranti 11 / 01 / 2010

 E si è subito pronti a puntare il dito contro i calabresi. In seguito agli incidenti di Rosarno, alla rivolta degli immigrati, la cittadina della provincia di Reggio viene descritta attraverso media nazionali come culla di razzismo e xenofobia. Ma le cose non stanno così. La Calabria per bene non ci sta. Oggi, 11 gennaio, i cittadini onesti scenderanno in piazza per manifestare il proprio sdegno contro i fatti accaduti e contro chi vuole tacciarli di razzismo. Ancora. Sempre in data odierna è in programma un vertice con il Procuratore, Giuseppe Creazzo.

Al momento la situazione a Rosarno è monitorata dalle Forze dell'Ordine che hanno seguito il trasferimento dei cittadini africani, alcuni comunque, in possesso di regolare permesso di soggiorno, che hanno definitivamente sgomberato i capannoni delle ex fabbriche in cui avevano trovato riparo in condizioni indigenti. Si trattava, infatti, di baraccopoli fatte di cartone e plastica senza servizi igienici e acqua potabile.
Secondo quanto fanno sapere dalla Questura di Reggio, 428 cittadini sono stati trasferiti con appositi pullman nel centro di prima accoglienza di Crotone, altri 400 in quello di Bari, mentre, circa 300 di loro hanno lasciato Rosarno con treni diretti verso Nord.
La guerriglia scoppiata nei giorni scorsi ha fatto registrare ventuno migranti feriti, ma non in modo grave, di cui otto ricoverati ancora in ospedale e 14 rosarnesi medicati presso il nosocomio cittadino. Sono state arrestate in tutto 10 persone di cui 7 immigrati e 3 abitanti di Rosarno. Gli investigatori, intanto procedono con il loro lavoro cercando di rintracciare i motivi alla base della rivolta, scaturita, ricordiamo, dal ferimento di  colpi esplosi da due persone non identificate ai danni di altrettanti migranti.
Secondo quanto riferito dal Procuratore nazionale antimafia, Alberto Cisterna, a sparare contro gli immigrati sarebbero stati rampolli della 'ndrangheta per far vedere che sono loro a controllare il territorio. Anche il ministro dell'Interno, Maroni, ha detto che dietro la rivolta potrebbe esserci stata la mano delle 'ndrine locali.
 Un'accusa è stata levata anche contro lo Stato, considerato assente nei territori calabresi specie per quanto riguarda la questione immigrazione e lavoro irregolare, così è stato riportato in una intervista dal sindaco leghista di Verona, Flavio Tosi.
 
Angela Mendicino

Etichette:

razzismo, xenofobia, sgombero a rosarno, trasferimento immigrati, centri prima accoglienza, bari, crotone, mafia, 'ndrangheta, controllo del territorio, manifestazione di piazza


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 1773 volte | Letto 3 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>