Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 110

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



Immigrazione: clandestini ridotti in schiavitù, 22 arresti tra Calabria, Puglia e Sicilia 23 / 05 / 2012

Immigrati fatti entrare in Italia clandestinamente e poi obbligati a lavorare nei campi del sud. Costretti a vivere in condizioni disumane, progionieri dei loro aguzzini. Per questo sono state emesse ventidue ordinanze di custodia cautelare, di cui 16 già eseguite, in un’indagine condotta dal Ros di Lecce dal Gennaio 2009 al Marzo 2010, con ulteriori specifiche attività nei mesi estivi del 2010 e del 2011, nonchè fino a Ottobre 2011.

Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale pugliese su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia nei confronti di persone italiane, algerine, tunisine e sudanesi accusate di associazione per delinquere, tratta e riduzione in schiavitù di persone, favoreggiamento dell'ingresso clandestino di stranieri e altri delitti e considerate dagli inquirenti come facenti parte di una organizzazione transnazionale che operava tra Nardò (Lecce) e Rosarno (Reggio Calabria) e in altre città della Puglia, Sicilia e Calabria ed era dedita alla tratta e allo sfruttamento lavorativo di clandestini originari dell’Africa.

Tra gli indagati alcuni imprenditori agricoli italiani che rilasciavano false attestazioni di assunzione, sfruttavano i migranti che erano sottopagati e sottoposti a condizioni di lavoro disumane. Reclutati in maggior parte in Tunisia, i soggetti sfruttati venivano trasferiti in Sicilia e privati del loro denaro, retribuiti con importi irrisori e alloggiati in baracche senza acqua corrente, servizi igienici e corrente elettrica, erano utilizzati come lavoratori nell’agro pachinese (Siracusa) e successivamente in quello neretino (Lecce).

L'indagine 'Sabr', condotta dal Ros di Lecce e compendiata in più informative di reato, ha consentito, tra altri aspetti, di far emergere l'esistenza di un vero e proprio 'sistema' criminale, efficientemente organizzato, nato e proliferato anche grazie alla "disperata e obbligata" partecipazione delle vittime.

Parallelamente, le investigazioni hanno messo in evidenza come gli spostamentì massivi (dall’estero e all’interno dei confini dello Stato) dei lavoratori migranti fossero inevitabilmente connesse alle condizioni di lavoro irregolare che, nelle sue forme più penalizzanti, si è espresso nel lavoro para-schiavistico. Le fasi iniziali d’insediamento degli immigrati, infatti, erano generalmente caratterizzate dalla condizione di irregolarità tale da 'costringerè i lavoratori stranieri ad accettare qualsiasi tipo di impiego pur di acquisire un minimo reddito per la sopravvivenza.


Etichette:

immigrazione, lavoro, sfruttamento, schiavitù, Calabria


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 1721 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>