Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 113

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

La bella e la bestia si ritrovano sul ring cosentino



chantal menard 28 / 11 / 2010

 Chantal Menard nasce in Madagascar negli anni ’70 figlia di un italo-tedesco e la mamma per metà francese. Una ragazza alla mano, una donna sicura di sé, ma che non lascia spazio né alla presunzione né alla prosopopea. Con l’umiltà di chi sa di essere la numero uno si racconta beffando chi si aspettava una francesina snob. Conquista tutti con la sua bellezza che è in perfetta sintonia con il savoir faire e che non stona con l’ironia che la caratterizza.
Trasferitasi a Milano da16 anni Chantal si racconta attraverso una simpatica “r” uvulare: unico vezzo francofono rimastole. “Ho iniziato a combattere da grande, avevo già 22 anni e sono arrivata in Italia che ne avevo già 25. Un sabato sono andata in palestra ho visto per la prima volta combattere ed il lunedì successivo ero già sul ring.” Appassionata di calcio e basket non aveva mai pensato di combattere. Campionessa delle giovanili di basket in Francia intraprende la carriera della modella vincendo il titolo di Miss Francia. Segue le orme dei genitori arruolandosi nell’esercito, ma con lo scoppio della guerra del Golfo rientra in Italia dopo due anni e riprende gli studi. Bella, anzi bellissima Chantal Menard, tanto bella quanto forte riesce a rialzarsi dopo un tentativo di stupro a soli 17 anni ed un matrimonio finito KO a causa delle botte ricevute. “ Dalla violenza, dalla voglia di vendetta ho imparato a trarne le cose belle. Lo sport mi ha aiutato a trasformare tutto in energia positiva a distrarmi dalle cose cattive e non pensare.” In Italia si parla di violenza sulle donne e di bullismo, ma spesso tutto ciò resta solo un pretesto per parlare. Chantal Menard ha combattuto in prima persona questo problema ed invita i genitori a non aver paura delle arti marziali. “ dopo due ore di allenamento tutti siamo stanchi e scarichiamo energia e brutti pensieri. Il vero pericolo non è lo sport, ma la strada che ti da l’occasione di imbatterti nella prostituzione, nella droga e in tanti altri pericoli reali. Credo che ci sia molta più violenza nel calcio dove i ragazzi sono incitati dai genitori a diventare calciatori famosi magari per compensare un loro sogno irrealizzato. Ovviamente una donna o una ragazza che pratica kickboxing è pronta a difendersi ed a schivare eventuali molestie.” - Qual è il primo pensiero prima di salire sul ring? “Penso che devo vincere per non fare brutte figure e non deludere gli spettatori, ma principalmente penso a vincere io e ad uscirne a testa alta.” “ Ogni gara è unica nel suo genere e anche se sono campionessa mondiale mi accorgo che provo e riprovo le gare in palestra, ma una volta salita sul ring non faccio niente di quello che avevo programmato. C’è paura, c’è stress, ma è la paura che da adrelina”. - Cosa ne pensi del Maestro De Stefano e della sua palestra? “ Raffaele è un pazzo come me! È un appassionato di kickboxing e mette davvero tanta passione in quello che fa. Da la possibilità ai ragazzi di confrontarsi con Maestri e campioni mondiali a chi non viaggia. Gli stage nella propria palestra sono un’opportunità per sentirsi a casa e fare nuove esperienze. Sono entrata in palestra e mi sono accorta che non solo è ben attrezzata ed allestita, ma c’è anche un’aria familiare. Mi piace molto anche perché dalle foto ho visto che prima di me ci sono stati campioni come Silvia La Notte, Didier Le Borgne, Giorgio Petrosyan, Marco Costaguta e tanti altri maestri. Oggi terrò uno stage molto duro che inizierà con un riscaldamento e che continuerà con lo stesso allenamento che facevo io perché credo che ognuno di noi possa insegnare qualcosa!”
Uno stage durato tre ore in cui Chantal non ha risparmiato i ragazzi, ma non si è risparmiata. Ha controllato minuziosamente le tecniche di ognuno specie nei combattimenti in cui ha dato delucidazioni per migliorare la tecnica. Dopo la consegna degli attestati ed i numerosi autografi alla quale Chantal non ha detto “no”, il team De Stefano regala una targa alla campionessa che saluta e ringrazia. Un augurio per il proseguo della sua carriera anche da parte nostra.

Anna Zupi

foto di Renato Mandolito


Etichette:

chantal menard, stage, cosenza


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Sport in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 1529 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>