Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 111

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Per Gentile dovrà essere una persona in grado di saper governare, senza distinzioni e riserve indiane, ma con competenze ed equilibrio



Elezioni in Calabria, Antonio Gentile: Entro il 15 Giugno il prossimo candidato del centrodestra alla guida della Regione 02 / 05 / 2014

“Entro il 15 Giugno dovremo scegliere il candidato o la candidata a guidare la Regione: dovrà essere una persona in grado di saper governare, di essere espressione di consenso reale e non autoreferenziale: il tempo della liquidità è scaduto abbondantemente”.

È quanto afferma il senatore Antonio Gentile, coordinatore regionale del Nuovo Centrodestra, che ribadisce inoltre che bisogna dire “Basta” alle “discussioni sterili e le elucubrazioni: Lao Tzse diceva che la rabbia rende passato il futuro e noi non vogliamo avere un grande avvenire dietro le spalle”.

Per Gentile “il candidato della coalizione dovrà essere la persona che saprà sintetizzare una rivoluzione nell’assetto istituzionale: così com’è il sistema Regione non va e diventa un sistema implosivo che annacqua qualsiasi idea di ristrutturazione. Non ci sono prequalifiche con gli altri partiti della coalizione – aggiunre– né pole position da conquistare: è naturale che per le europee e per i comuni ognuno cercherà di portare più voti al proprio partito, ma non ci dovranno essere situazioni di forza e di preminenza con nessun altro partito perché la scelta dovrà ricadere sulla persona più indicata”.

Il coordinatore del Ncd pensa “a una Regione che sfrutti la snellezza dell’assetto consiliare per diventare assemblea legislativa permanente: per me il Consiglio regionale dovrebbe divenire una Dieta, capace di riunirsi come il Parlamento due volte a settimana e di separare la sua funzione da quella amministrativa”.

Gentile chiede poi “di arretrare definitivamente con i campanilismi, seppure sia necessario ascoltare le spinte autonomiste: immagino una Regione che valorizzi le tre grandi macroaeree dislocando, per esempio, l’assessorato alla Cultura e all’Innovazione a Cosenza, come atto simbolico e sostanziale di una scelta orientata a valorizzare le vocazioni endogene”.

“Sarà necessario - prosegue il senatore del centrodestra - raccogliere i buoni frutti dell’aumento della spesa comunitaria semplificando al massimo i regolamenti e le pastoie che impediscono di poter essere più incisivi. Il candidato dovrà avere una necessaria esperienza di amministratore, credibilità, consenso, capacità di capire che, pur essendo investiti direttamente dal mandato dei cittadini, è fondamentale ragionare come primus inter pares e non come unto dalla Provvidenza. Nella coalizione ci sono pochissime persone ad avere questi requisiti tutti insieme, ma la selezione a cui guardiamo è quella naturale, orientata dalla reputazione dei singoli e dalla consistenza di chi sarà capace di sostenere la sua azione e in questo senso quelle pochissime persone vocate a divenire leader, donne e uomini, possono portarci a vincere e a lasciare realmente un segno”.

Gentile conclude immaginando “anche una possibile coniugazione generazionale e di genere tra guida della Giunta e dell’Assemblea Legislativa: per noi non esistono distinzioni e riserve indiane, ma competenze ed equilibrio e tutto ciò potrà conoscere una sua identificazione in un uomo e una donna capaci di essere alla testa delle due istituzioni, abbandonando perniciose differenziazioni di campanile”.


Etichette:

Antonio Gentile, elezioni regionali, Calabria


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Archivo Articoli


    Letto 1435 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>