Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 21

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Giallo sulla tedesca trovata morta sulla A3. L'assassino le ha sferrato 7 coltellate



donna 07 / 12 / 2009

Resta avvolto nel mistero il giallo della donna tedesca uccisa con sette coltellate, di cui una letale, alla gola. Petra Schiffler, questo il nome della vittima, è stata ritrovata alle 13 di sabato pomeriggio, in una scarpata della A3 tra gli svincoli di Cosenza Nord e Montalto, a lanciare l’allarme è stato un automobilista di passaggio su quel tratto autostradale che ha avvertito la polizia. Le indagini sono coordinate dal capo della Mobile cosentina, Fabio Ciccimarra e l’autopsia è stata eseguita dal medico legale Arcangelo Fonti. Le certezze relative alla vittima sono che aveva quarant’anni, separata dal marito e madre di due figli, uno di undici e una di tredici anni, Petra era in Italia da circa un mese. Originaria di Aquisgrana, la donna, pare viaggiasse spesso in autospot.
 

Altra certezza appurata dagli esami autoptici è che il brutale omicidio di Petra sia avvenuto in un altro luogo e, successivamente, l’assassino avrebbe gettato il corpo sotto il guard rail dell’Autostrada. Infatti, vicino il luogo del ritrovamento del cadavere c’è scarsa presenza di sangue e non ci sono segni tangibili di una colluttazione. Poi, l’orario del decesso risalirebbe a circa venti ore prima del ritrovamento del corpo di Petra su cui, comunque, è stata esclusa la violenza sessuale.
Le indagini che sono coordinate dal pubblico ministero, Claudio Curreli, sembrano fare prevalere la pista di un omicidio consumato in preda alla rabbia scaturita forse in seguito a un rifiuto della vittima. Probabilmente, Petra ha accettato un passaggio proprio dal suo assassino.
 

Una tragica imboscata del destino, insomma. Ma potrebbe esserci dell’altro. Infatti, in queste ore le indagini condotte di concerto con il Consolato tedesco sono volte a scavare nella vita privata della povera Petra, affinché, alla donna sia resa Giustizia.
 

Angela Mendicino

 


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 1859 volte | Letto 3 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>