Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 30

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



Crotone. Prati: Prima di tutto il rispetto per la dignità della persona 06 / 04 / 2012

"Sulla prima pagina del Corriere della Sera di giovedì 5 Aprile è stata ospitata la lettera di un uomo di 59 anni ammalato di tumore con metastasi diffuse e costretto, ovviamente, a ripetute analisi cliniche e a terapie specialistiche per fronteggiare l’avanzare della malattia e i danni che ne derivano al suo organismo.

È un’odissea che conosco, purtroppo, dal momento che esercito la professione di chirurgo oncologo e mi trovo quotidianamente a contatto con la sofferenza degli ammalati e con il dramma vissuto dalle loro famiglie. Fa specie, perciò, apprendere che anche di fronte a questo genere di patologie, che richiedono assistenza psicologica, disponibilità, comprensione, vicinanza, per stimolare la reazione del paziente e comunque per non farlo sentire solo davanti a una malattia grave, si possa esibire con cinismo il costo delle cure e degli accertamenti praticati, quasi rimproverando al paziente di pesare troppo sulle casse pubbliche e, quindi, di resistere in modo ingiustificatamente prolungato all’angoscioso percorso della forma tumorale. È quanto accaduto in Lombardia, dove, appunto, a quell’ammalato, mentre venivano erogate le prestazioni sanitarie necessarie e, naturalmente, esenti dal pagamento di ticket, ci si faceva premura di rendergli noto il costo di quelle prestazioni per le finanze regionali. Tutto ciò è assolutamente agghiacciante.

Siamo ormai sull’orlo della Rupe Tarpea, da dove saranno precipitati tutti coloro che non avranno più una funzione utile ai fini dello sviluppo economico e della produzione materiale. La moderna Rupe Tarpea è l’abbandono dei deboli al loro destino, il considerare l’ammalato, il disabile, il non autosufficiente come un peso per la collettività, un costo non soppor tabile perché inutile. Lentamente ci stiamo avviando a una società dove l’unico parametro valido è l’efficienza economica, dove la vecchiaia non è più il meritato periodo di riposo e di serenità dopo una vita di lavoro e spesso di sacrifici, ma un lusso che ti puoi concedere solo se sei in grado di continuare a produrre, a lavorare, a "giustificare" la permanenza in vita. Così si va in pensione, quando si va, sempre più tardi, si danno le cure mediche con crescente fastidio, si colpiscono diritti sociali che connotano il livello di civiltà di un popolo, finendo col creare una disparità esistenziale tra chi può concedersi tutto e chi nulla. Questa disparità fino a ora era colmata dall’intervento dello Stato, che estendeva le garanzie e le protezioni sociali in senso universalistico.

Oggi sappiamo che se vincerà definitivamente questa nuova concezione tecnocratica per la quale l’uomo è solo una variante economica, tutto cambierà, niente sarà più come prima. Quali disastrose conseguenze potrebbe avere questa "filosofia", ove dovesse prevalere, nella nostra regione e nella nostra provincia, così prive di adeguate tutele sociali e materiali, dove persino sulle poche strutture sanitarie d’eccellenza si abbatte la scure dei tagli e delle riduzioni delle prestazioni, è facile prevedere. Per questo chiedo che ci sia un sussulto di civismo e di diversità etica.

La Calabria, in tutte le sue articolazioni istituzionali, politiche e territoriali, respinga questa logica nefasta e distruttiva, si opponga, con scelte di governo ispirate al rispetto prioritario della persona umana e della sua dignità, a una deriva che è in contraddizione con la sua storia che ci parla di solidarietà, accoglienza, attenzione agli anziani e agli ammalati, condivisione di valori di autentica umanità. La nostra regione sia frontiera di resistenza morale e culturale e si proponga quale modello di società in cui l’essere viene prima dell’avere e di tanti cinici calcoli".

Ubaldo Prati

vice presidente Provincia di Crotone


Etichette:

Ubaldo Prati, Crotone, Calabria


Ultime da NoiGiovani.it


#Hairgate e #Bendgate due bufale contro gli iPhone 6 e iPhone 6 Plus di casa Apple!


Proteste di Hong Kong: cosa che c'è da sapere sulle manifestazioni di #Occupycentral


Al GAM di Torino i disegni di Roy Lichtenstein


Lavoro: Ferrero assume personale in Italia e all'estero


Tfr in busta paga: che cosa significa?


FAIMARATHON 2014: torna in più di 120 città italiane la passeggiata nei luoghi della cultura italiana


Ello, il social network che potrebbe sostituire Facebook


Come riprendersi da una delusione in tre passi


iPhone 6 disponibile in Italia, ecco le offerte degli operatori


John Malkovich come Che Guevara, Warhol e Dalì nel progetto di Sandro Miller


www.tuttiAUTOpezzi.it
Più letti oggi

Più commentati della settimana

Articoli virali su Facebook
Cronaca in Calabria
Archivo Articoli


Letto 747 volte | Letto 2 volte oggi
    Lascia un commento
    Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
    Nome*
    Email (non verrà visualizzata)*

    + = ( Inserisci il risultato della somma)*


     




    © 1997-2014 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784