Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 114

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



Cosenza: si chiude domenica 13 Maggio la stagione di prosa del Rendano con Maddalena Crippa 09 / 05 / 2012

Il 12 e il 13 Marzo scorso il forfait improvviso dell’attrice Maddalena Crippa, a causa del riacutizzarsi di una fastidiosa laringite, mentre si trovava già a Cosenza, pronta ad andare in scena con lo spettacolo-tributo a Giorgio Gaber, “E pensare che c’era il pensiero”, impedì al pubblico del “Rendano” di godere del recital che ha riscosso unanimi apprezzamenti in tutti i teatri d’Italia.

Ora lo spettacolo è stato recuperato e domenica 13 Maggio sarà rappresentato sul palcoscenico del teatro di tradizione cosentino per l’ultimo appuntamento del cartellone di prosa curato da Isabel Russinova. Due le recite previste. La prima alle ore 18:00 (turno B di abbonamento) e la seconda alle ore 21:00 cui avranno accesso gli abbonati del turno A.

“E pensare che c’era il pensiero” è un Gaber d’annata, riletto al femminile da Maddalena Crippa, che mantiene tutta la forza delle sue parole e che ancora oggi ci fa riflettere perché capace di interrogarsi, di scendere nel privato o aprirsi al sociale, di stare nel presente, riuscendo a decifrarlo e persino ad anticiparlo. Un vero e proprio cult gaberiano che il cantautore milanese scrisse nel ’94, insieme al suo sodale di sempre Sandro Luporini, e che ora Maddalena Crippa riplasma alla sua maniera, lontana dall’intento di rifare Gaber, ma accostandosi a “E pensare che c’era il pensiero” con il dovuto rispetto e con il rigore che caratterizza abitualmente le sue performances, per far rivivere la stagione aurea del teatro-canzone di cui Giorgio Gaber può essere considerato nobile antesignano e la Crippa degna continuatrice, come dimostrano anche alcuni suoi precedenti spettacoli, incentrati proprio su questa raffinatissima forma di spettacolo.

“Il Teatro-canzone è la cosa più importante della storia e della carriera di Gaber - sottolinea la protagonista dello spettacolo Maddalena Crippa -. Una forma di spettacolo completamente nuova che all’inizio ha fatto anche molta fatica ad affermarsi. Molti hanno rifatto Gaber dando vita a una sorta di ripescaggio tra le cose che faceva. Io, invece - afferma la Crippa - ho spostato da subito l’attenzione sul teatro canzone e su quello spettacolo culto della sua produzione artistica, ristudiandolo tutto e riproponendolo alla mia maniera, ma nel pieno rispetto di Gaber. La cosa veramente vincente è che la gente pensa quasi che sia stato scritto ieri. Gaber era un artista straordinario, capace di stare con estrema onestà di fronte alla realtà e la sapeva leggere. Sia la realtà privata - la sua parte introspettiva e umana - sia quella sociale”.

La regia è di Emanuela Giordano. In scena, Maddalena Crippa sarà accompagnata al pianoforte da Massimiliano Gagliardi che è anche autore degli arrangiamenti (il coordinamento musicale è di Arturo Annecchino) e da tre coriste: Chiara Calderale, Miriam Longo e Valeria Svizzeri. Lo spettacolo è prodotto dallo Stabile di Innovazione “Tieffe Teatro”, in collaborazione con la Fondazione Giorgio Gaber. La Crippa è la prima donna che si avvicina all’universo gaberiano. In passato lo avevano fatto tanti altri attori, da Neri Marcorè a Claudio Bisio, da Enzo Iacchetti a Gioele Dix. Una sfida alla quale l’attrice non solo non si sottrae, ma che abbraccia volentieri per affrontare Gaber da un punto di vista tutto al femminile,in linea con il motivo dominante della stagione di prosa del “Rendano” che la curatrice Isabel Russinova ha voluto caratterizzare dedicandolo alla donna.

“E pensare che c’era il pensiero” - afferma la Crippa - è uno spettacolo che dimostra il valore e l’impegno che le donne possono profondere. Personalmente faccio delle scelte di qualità molto ponderate e molto precise e non mi basta essere in palcoscenico solo per stare in un titolo, ma sto in palcoscenico quando c’è da dire qualcosa o c’è qualcosa che va detto o è necessario sentire. Consiglio, pertanto, a quanti amano il teatro, ma anche a quanti non lo amano, di venire a vederlo perché lo spettacolo ha una sua capacità di fascinazione, pur nella sua semplicità. Io non recito in questo spettacolo. Io sono e questo mi viene forse dalla mia maturità di attrice e sicuramente anche di donna. Non sono qui per recitare, ma io vivo lì al momento. C’è una verità che passa e che riverbera sulla vita di ognuno”.

Sull’articolazione dello spettacolo l’attrice precisa ancora: “consta di due parti. Una parte è lo spettacolo in sè e una parte sono tutti i bis che invece rendono conto di tutto un altro periodo di Gaber. Ho scelto “E pensare che c’era il pensiero” perché presenta estremi contatti con l’oggi. E poi c’è il finale, meraviglioso, che si decide al momento se è il caso di farlo. Al pubblico piace e di solito non ci lascia più andar via. Nei bis ripercorriamo il repertorio del primo Gaber, più vicino a Jannacci piuttosto che a tutti gli altri. Una festa finale che regala una gioia infinita”.

La biglietteria del Teatro “Rendano” resterà aperta tutti i giorni, dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00. Sabato 12 Maggio (giorno del concerto della nona sinfonia di Beethoven) e domenica 13 Maggio (giorno della doppia recita dello spettacolo con Maddalena Crippa) l’apertura del botteghino sarà garantita fino all’inizio degli spettacoli.


Etichette:

Maddalena Crippa, Gaber, Spettacolo teatrale, stagione prosa, Teatro Rendano, Cosenza, calabria


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cultura e Spettacolo in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 649 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>