Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 66

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



Cosenza: Roberto Ferrari di Radio Deejay accusato di molestie 11 / 01 / 2012

Roberto Ferrari, conduttore della trasmissione "Ciao Belli" di Radio Deejay, è stato assolto per l’accusa di diffamazione e condannato a 400 euro di multa con la pena sospesa e la non menzione per l’accusa di molestie e 3500 euro da pagare in sede civile per il noto scherzo telefonico ai danni di una famiglia cosentina. La decisione è stata presa ieri dal giudice Marletta di Cosenza dopo aver sentito i vari testi in questione e lo stesso Ferrari, giunto a Cosenza per difendersi.

La procura cosentina aveva citato a giudizio il conduttore radiofonico che, nella sua trasmissione, prese di mira una famiglia cosentina e presentandosi per telefono come “acquologo” o “sonnologo” aveva effettuato ben 44 telefonate. Inoltre l’audio delle telefonate dopo la messa in onda durante la trasmissione finì anche su Youtube senza bip e, questa volta, le risposte esasperate riempite anche di parolacce e minacce in dialetto cosentino sono state alla "portata" di tutti, collocando la famiglia in questione al centro dell'attenzione.

"Le telefonate erano solo uno scherzo in un programma comico. Nessuna persecuzione cerchiamo i numeri in maniera casuale", ha ribadito Ferrari. "È da 1988 che lavoro in radio ed è dal 1996 che conduco Ciao belli - ha proseguito il conduttore - . Nel programma cerchiamo di tutelare la privacy e mettiamo i bip sui nomi e sulle parolacce. E inoltre non ho mai minacciato o ingiuriato qualcuno".

Dopo aver sentito gli avvocati delle vittime Matteo Cristiani e Antonio Quintieri, i difensore di Ferrari, Luca Acciardi e Paolo Greco e la richiesta del pm Vittoria Perrone di condanna a nove mesi di reclusione il giudice ha preso la sua decisione.

Sulla versione senza filtri finita su Youtube, il dj si è detto estraneo: "Io controllo quello che va in onda in radio - ha detto al giudice - e quello che carichiamo sul nostro sito che materialmente viene eseguito dai tecnici. Sono caduto dalle nuvole quando ho visto che erano state pubblicate senza bip".


Etichette:

scherzo telefonico, Roberto Ferrari, Radio Deejay, Cosenza


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 9781 volte | Letto 4 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>