Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 127

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



Cosenza: Commissione cultura in cerca d'autore ospita la scrittrice Antonella Bevilacqua 18 / 05 / 2012

Per sua stessa ammissione non ama le poesie che ha scritto in passato e con le quali lo scorso anno ha comunque concorso al Premio Mario Luzi, nella sezione inediti. A Febbraio di quest’anno ha scritto il suo primo romanzo, “I giochi dei castelli di carta”, pubblicato nello scorso mese di Febbraio dall’editore calabrese “La Dea” e presentato a fine Marzo a Cosenza. È la prima vera creatura letteraria di Antonella Bevilacqua, giovane scrittrice cosentina - una laurea in lettere classiche - che in mezzo ai libri vive tutti i giorni per il fatto di lavorare come bibliotecaria all’Università della Calabria.

Del libro di Antonella Bevilacqua si è accorta la Commissione cultura di Palazzo dei Bruzi, presieduta dal Consigliere comunale Claudio Nigro che ha ospitato la scrittrice in Comune, nell’ambito della rassegna dedicata ai giovani autori cosentini, inaugurata ufficialmente nell’Ottobre dello scorso anno. “I giochi dei castelli di carta” , influenzato per certi versi da “Donne che amano troppo”, scritto negli anni ’70 dalla psicologa americana Robin Norwood, racconta la storia di Sveva, la giovane donna protagonista del romanzo, dal carattere forte e coraggioso, ma che diventa preda di insospettabili fragilità quando si trova a dover fare i conti con il suo bizzarro destino. Sospesa tra tre distinte relazioni, quella con un fidanzato storico affetto dalla sindrome di Peter Pan e che non le riserva alcuna attenzione, quella con un uomo maturo che diventa il confidente dei suoi tormenti e la terza con un giovane che la fa sentire finalmente donna, Sveva alla fine ha un moto di ribellione dal quale i tre uomini della sua vita escono piuttosto malconci.

L’incontro di Antonella Bevilacqua in Commissione cultura è stato introdotto dal presidente Claudio Nigro che ha avuto parole di apprezzamento per il romanzo della giovane scrittrice. È seguito il contributo del consigliere relatore Mimmo Frammartino.

“Da quando abbiamo varato l’iniziativa dedicata ai giovani autori - ha detto Frammartino nel corso dell’incontro - abbiamo inteso assolvere, come commissione cultura, a un compito e una funzione precisi: quelli di stimolare e incentivare la lettura, ma anche la scrittura. Il libro di Antonella Bevilacqua narra di amori sospesi. Si legge tutto d’un fiato, descrive alcuni dei luoghi più significativi della nostra provincia come Diamante e Cirella. Sono delle belle pennellate che danno il senso di un affresco ben tratteggiato. Si vede che Antonella Bevilacqua ci sa fare con la penna”.

Anche il consigliere Maria Lucente, vicepresidente della Commissione cultura, si è detta molto incuriosita dal libro della Bevilacqua “Già dalla prefazione - ha affermato la Lucente - il libro fa scattare la voglia di leggerlo. Nel descrivere un intenso gioco di amori e di rapporti interpersonali, stimola un lavoro di introspezione molto profondo. Per essere così intenso e per calarsi perfettamente in una realtà soggettiva, sia femminile che maschile, dimostra che l’autrice ci ha messo l’anima”.

Alle domande dei componenti la commissione ha risposto l’autrice. “Il libro è nato per gioco - ha spiegato Antonella Bevilacqua - per la voglia di scrivere dopo un incidente che mi è occorso nel Novembre dello scorso anno e che mi ha bloccato in casa per un lungo periodo. È un libro che pur essendo dedicato alle donne intriga molto i lettori, che riescono a coglierne il senso più intimo. Ed è un libro in parte autobiografico, specie nella parte in cui Sveva, il cui tormento nasce dalla dipendenza affettiva e dalla solitudine, si apparta sull’Isola di Cirella ed è lì che il romanzo riesce a cogliere e sentire i profumi di quel luogo magico dove la protagonista ama ritirarsi per ritrovare sé stessa e anche per esorcizzare il dolore.”


Etichette:

commissione cultura, Antonella Bevilacqua, Cosenza, Calabria


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cultura e Spettacolo in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 884 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>