Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 123

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



Catanzaro: truffa all'Ue, sequestrati beni per 2 milioni di euro 17 / 05 / 2012

Il nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Catanzaro, al termine di una complessa attività investigativa eseguita nei confronti di un'azienda beneficiaria di cospicui contributi pubblici, ha sequestrato beni per un valore complessivo di circa due milioni di euro.

Gli agenti, in particolare, hanno sequestrato un opificio industriale a Borgia (Catanzaro), preposto fittiziamente, secondo le indagini, alla produzione di abbigliamento sportivo, nonché beni mobili e immobili, quote societarie e disponibilità bancarie.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, hanno riguardato una società di capitali alla quale, nell'ambito dei agevolazioni destinate ai giovani imprenditori, erano stati concessi contributi pubblici comunitari e nazionali per oltre 1,5 milioni di euro (dei quali effettivamente erogati oltre 1,3 milioni di euro) per la realizzazione di un programma commerciale nel settore della produzione di abbigliamento sportivo.

Gli accertamenti avrebbero fatto emergere un sofisticato meccanismo di frode, ideato dal responsabile della società beneficiaria dei contributi pubblici con la complicità di altri imprenditori e di un noto commercialista di Soverato (Catanzaro), imperniato sulla predisposizione di falsa documentazione, con riguardo sia alla fattibilità del progetto proposto che all'entità dei costi effettivamente sostenuti per porlo in essere. Dunque, sarebbe stato dichiarato che lo stabilimento industriale è costato molto meno di quanto risulta dai documenti presentati per ottenere i finanziamenti pubblici, e, soprattutto, non è mai realmente entrato in produzione.

La procura della Repubblica del capoluogo ha quindi chiesto e ottenuto il provvedimento di sequestro "per equivalente" dei beni aziendali, nei confronti della società e del suo amministratore, del commercialista e di altri imprenditori complici. I reati contestati sono: truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falso ideologico ed emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

I beni sequestrati serviranno a garantire adeguatamente all'Ue e allo stato il recupero dei contributi pubblici e dei vantaggi fiscali illecitamente ottenuti dagli indagati.


Etichette:

truffa, Unione Europea, sequestro beni, Catanzaro, Calabria


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 879 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>