Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 144

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Nesci e Parentela hanno rappresentato al prefetto di Catanzaro la gravità della situazione, riguardante la classificazione delle acque dell'Alaco



Catanzaro: inchiesta acqua sporca, Nesci e Parentela (M5S) incontrano il Prefetto 22 / 05 / 2014

Si è tenuto l’incontro tra i parlamentari M5S Dalila Nesci e Paolo Parentela ed il prefetto di Catanzaro Raffaele Cannizzaro sul problema dell’acqua potabilizzata del lago Alaco.

L’incontro era stato promosso dagli stessi deputati Cinque Stelle dopo la conclusione dell’inchiesta "Acqua sporca" della procura di Vibo Valentia, con decine di indagati tra sindaci e amministratori pubblici per omessi controlli e avvelenamento colposo. Nesci e Parentela hanno rappresentato al prefetto di Catanzaro la gravità della situazione, riguardante la classificazione delle acque dell’Alaco, che presenta seri dubbi sulla potabilità e sull’intero sistema di gestione.

I parlamentari Cinque Stelle hanno inoltre sottolineato al prefetto Cannizzaro che questa storia è nata male da principio, sin dall’avvio dei lavori della diga dell’invaso Alaco, ed è andata avanti tra dubbi legittimi e forti proteste dei cittadini, che non hanno mai smesso di chiedere la verità.

A conclusione dell’incontro Nesci e Parentela hanno espresso soddisfazione per la disponibilità mostrata dal prefetto, che ha assicurato loro di concertare azioni anche con il prefetto e la procura della Repubblica di Vibo Valentia. I due deputati Cinque Stelle hanno anche ribadito al prefetto Cannizzaro la necessità di convocare un tavolo tecnico, interessando anche l’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), affinché tutte le istituzioni responsabili contribuiscano alla soluzione del problema, coinvolgendo anzitutto comitati e associazioni.

Per Nesci e Parentela, infatti, altra questione importante è la scarsa informazione ai cittadini che l’amministrazione pubblica ha dato finora.


Etichette:

Movimento 5 Stelle, Paolo Pareentela, Dalila Nesci, acqua sporca, Alaco, Catanzaro, Calabria


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 987 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>