Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 32

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli



Acquaro: 12 persone indagate per l'esondazione del fiume 02 / 02 / 2011

 Dodici tra funzionari e politici. Tanti gli indagati a seguito dell'alluvione che tra il 5 ed il 12 novembre del 2008 ha colpito il comune di Acquaro, il piccolo centro del vibonese a conclusione delle indagini del pm Fabrizio Garofalo. A vario titolo il magistrato, da poco trasferito al Tribunale di Chiavari, contesta i reati di invasione di terreni ed edifici, deturpamento di cose altrui, rifiuto ed omissione d'atti d'ufficio, abuso d'ufficio, falsita' ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, danno colposo e favoreggiamento personale. Il provvedimento e' stato notificato a Caterina Barilaro, 61 anni, di Acquaro; Angelo Vottari, 54 anni di Bovalino; Francesco Urzia, 37 anni, di Dasa'; Maria Rosa Luzza, 55 anni, di Acquaro; Antonio Facciolo, 67 anni di San Nicola da Crissa; Mario Crupi, 48 anni di Acquaro; Domenico Scarmozzino, 44 anni di Acquaro; Salvatore Monteleone, 58 anni di Dinami; Palmo Giglio Aloe, 44 anni di Acquaro; Carmelo De Marco, 62 anni di Reggio Calabria; Francesco Defina, 60 anni di Sant'Onofrio; Domenico Nicolini, 59 anni di Vibo Valentia. Agli indagati Barilaro, Vottari e Urzia e' contestato il reato di invasione di terreni ed edifici e di deturpamento di cose altrui in concorso, per aver costruito una "tombinatura" abusiva su uno spazio demaniale, nelle rispettive qualita' di committente, titolare dell'impresa esecutrice dei lavori e progettista. Maria Rosa Luzza, gia' commissario prefettizio del Comune di Acquaro, e Antonio Facciolo, responsabile pro tempore dell'area tecnica comunale, avrebbero invece rifiutato il compimento di atti d'ufficio per non aver attivato i necessari interventi atti a salvaguardare la privata e pubblica incolumita' relativamente al pericolo costituito dalla copertura del Rio Galeano", attestando in una nota l'assenza della necessita' di dare corso ad una precedente ordinanza sindacale che disponeva la demolizione delle opere che andavano ad intasare il corso d'acqua, con cio' "procurando un ingiusto profitto" alla coindagata Barilaro. Gli ex sindaci di Acquaro, Crupi (dal giugno 2004 al dicembre 2007) e Scarmozzino (da aprile 2008 a giugno 2009), unitamente ai responsabili dell'area tecnica comunale, Monteleone (da aprile a luglio 2004) e Aloe (da febbraio a marzo 2009), secondo la Procura di Vibo "omettevano di compiere un atto del loro ufficio che doveva essere compiuto senza ritardo per ragioni di sicurezza ed incolumita' pubblica", per non aver adottato gli atti necessari a rimuovere le opere costruite sul Rio Galeano. Defina e Nicolini, invece, nelle rispettive qualita' di dirigente e tecnico dell'amministrazione provinciale di Vibo Valentia, secondo l'accusa in concorso "attestavano falsamente fatti dei quali l'atto era destinato a provare verita', laddove riferivano che la copertura del Rio Galliano in adiacenza alla particella di proprieta' di Barilaro Caterina era stata autorizzata con autorizzazione in sanatoria e che la porzione di fondo in questione era da considerarsi accatastata a privati, omettendo di rilevare la realta' dei fatti". Stessa circostanza viene contestata a De Marco, in veste di dirigente regionale del dipartimento Lavori pubblici. Infine la posizione di nove indagati - Barilaro, Vottari, Urzia, Luzza, Facciolo, Crupi, Scarmozzino, Monteleone e Aloe - viene aggregata nella contestazione di aver determinato, a vario titolo ed in conseguenza delle altre condotte a loro imputate dall'ufficio di Procura, "una restrizione del canale di scolo del Rio Galeano con opere realizzate in modo tale da aumentare il rischio di esondazione delle acque del Rio Galeano, causando cosi' un' alluvione o, quanto meno, aumentando considerevolmente i suoi effetti, allorquando a seguito di un periodo di fitte ed intense piogge fra il 10 ed il 12 novembre del 2008 il canale di scolo del Rio Galeano si riempiva a tal punto da andare ad esondare. Motivo per cui si e' verificato l'allagamento del centro abitato di Acquaro e segnatamente corso Umberto, comprese le vie adiacenti e la piazza del municipio, rimaste ricoperte di fango e detriti.


Etichette:

indagati, fiume, alluvione


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 1770 volte | Letto 2 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2019 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>