Calabria On Line
Login password
Registrati Adesso | Recupera Password
Calabria cultura Calabria Ricerche Calabria speciali Calabria turismo Calabria turismo
Rubriche|Borghi di Calabria|Mali di Calabria|Risorse di Calabria|Città dei Ragazzi|Articoli|
 Utenti online: 118

News - Eventi - Sport
CATANZARO
News - Eventi - Sport
COSENZA
News - Eventi - Sport
CROTONE
News - Eventi - Sport
REGGIO CALABRIA
News - Eventi - Sport
VIBO VALENTIA
Lavoro in Calabria
Eventi in Calabria
Archivio Articoli
Condividi con
Seguici su Twitter Seguici su Facebook Iscriviti ai nostri Feed
COL
La Calabria - Tutto e Tutta
Catanzaro
Cosenza
Crotone
Reggio Calabria
Vibo Valentia
Arte e Cultura in Calabria
Tradizione e Folclore in Calabria
SENTIERI
I Sentieri di COL
Diventa Editore
Condizioni
F.A.Q.
I nostri Ospiti
SPECIALE COL
Rubriche
Borghi di Calabria
Mali di Calabria
Risorse di Calabria
Città dei ragazzi
Articoli
COLTour
Incoming Calabria
Virtual Tour
Da Visitare in Calabria
Viaggi in Calabria
Alberghi e Ristoranti Calabresi
Prodotti Tipici Turismo Enogastronomico
Escursioni in Calabria
Itinerari in Calabria
I Paesaggi di Calabria



Home Page | Sei in Speciale COL | Articoli

Secondo le direttive del Piano di rientro regionale



ospedale 13 / 01 / 2010

Non gestiranno piu' ricoveri per malati acuti, ma diventeranno presidi sanitari territoriali dotati di nuove tecnologie e servizi d'avanguardia. E' il primo passo di quella riorganizzazione migliorativa del sistema sanitario nazionale che abbiamo concordato con il governo centrale con il piano di rientro e che avra' ricadute benefiche sui cittadini calabresi che finalmente potranno contare su una Sanita' adeguata ai bisogni''. Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero.

La Giunta regionale, riunita a Palazzo Alemanni di Catanzaro, infatti, ha approvato il primo atto del Piano di rientro, per cui, come gia' ampiamente noto, i presidi di Oppido Mamertina (Rc), Chiaravalle Centrale (Cz), San Marco Argentano (Cs), Mormanno (Cs), e Soriano Calabro (VV), cesseranno subito di ricoverare pazienti acuti e saranno destinati a Case della salute o Ospedali per lungodegenti.

Il superamento dell'attuale situazione, giudicata a rischio per i pazienti, e l'individuazione dei primi cinque ospedali da riconvertire, e' stata fatta sulla base di parametri riguardanti la dimensione della struttura (essendo micro-ospedali non possono avere servizi e tecnologia adeguati alle necessita' e non hanno una utenza sufficiente) e alla distribuzione territoriale (si e' intervenuto su tutto il territorio regionale, badando anche alla vicinanza di altri ospedali di secondo livello per ridurre i disagi). E soprattutto si e' avuto riguardo per la cosiddetta ''clinical comeptence'', i requisiti professionali legati alla intensita' e alla frequenza degli interventi medici e chirurgici: un ospedale con un reparti di chirurgia, con meno del quaranta per cento di posti letto occupati, la meta' dei quali con ricoveri impropri di tipo medico, non offre, per esempio, condizioni di sicurezza chirurgica. Le Case della Salute, destinate in gran parte a sostituire tali presidi sanitari, saranno in grado di offrire, invece, una qualita' assistenziale molto piu' rispondente ai bisogni.

 

fonte:Asca


Etichette:

piano di rientro, ospedali, calabria, loiero,case della salute


Più letti oggi

Più commentati della settimana

    Articoli virali su Facebook
    Cronaca in Calabria
    Archivo Articoli


    Letto 2424 volte | Letto 3 volte oggi
      Lascia un commento
      Il tuo indirizzo ip (non verrà visualizzato)*
      Nome*
      Email (non verrà visualizzata)*

      + = ( Inserisci il risultato della somma)*


       




      © 1997-2020 CalabriaOnline By Internet & Idee S.r.l P.Iva: 02196690784




      ?>